La storia dell'origine del Maltese e del Bichon Frise

Piccolo, bianco, affettuoso, carino ... Così puoi caratterizzare due splendide razze italiane di cagnolini.

Uno è già ampiamente conosciuto in tutto il mondo. L'altro è a malapena (ancora) conosciuto nella loro patria. Tuttavia, entrambi i cani hanno un grande futuro: non possono innamorarsi!

Maltese e Bichon Frise

Maltese (sono anche chiamati maltesi) e Bologna sono nomi che indicano senza dubbio l'origine dei cani. Ma queste piccole persone bianche e astute stanno iniziando a ingannarci dal nome stesso. In effetti, il cane maltese non viene affatto dall'isola di Malta. E Bologna non è nata a Bologna. Per comprendere questa confusione, è necessario tornare indietro di qualche secolo ai tempi di Aristotele .... Già nel 350 aC esistevano cani, in seguito chiamati cani da caccia - in francese Bichon. Il nome deriva dalla parola francese barbishon - barbuto.

Oggi, Bichons, in altre parole, cani di piccola taglia, ricoperti di lunghi capelli, si chiamano Cagnolini, che Aristotele, che divise le razze che esistevano in quel momento in sette categorie di cani, chiamò Meliten. Prima del filosofo greco, non solo i cani bianchi erano imparentati con i cagnolini meliteniani. Tuttavia, senza dubbio tra di loro c'erano gli antenati del moderno bolonok maltese e bolognese. Oggi vogliamo capire perché questi cani sono chiamati maltesi.

Ci sono un certo numero di ipotesi, tra cui, secondo la loro patria più comune, l'isola di Malta. Tuttavia, questo è un po 'credibile. Secondo i ricercatori, Aristotele, molto probabilmente produsse il nome dal nome dell'isola "Meleda", situata nel Mare Adriatico o nella città di Milito in Sicilia. Per molto tempo, il luogo di nascita più probabile dei cani era la città di Milito, perché c'era una colonia greca, e anche perché 30 anni dopo Aristotele, lo storico greco Strabone scrisse di piccoli cani bianchi con i capelli lunghi che venivano allevati in questa città.

Tuttavia, non molto tempo fa, i ricercatori hanno deciso di non fare riferimento ai toponimi, ma alle etimologie di questi toponimi. In effetti, la radice di nomi come Malta, Melito, Meleda e così via è la vocazione greca del termine semitico "malato", che significa rifugio, il porto.

Ciò suggerisce che Aristotele chiamò Meletenskim tutti i piccoli cani a pelo lungo che vivevano nel porto. In effetti, è improbabile che un'intera varietà di cani cresca e si sviluppi in uno spazio chiuso, come un'isola o una città, così oggi tutti i paesi del Mediterraneo centrale, o meglio, le parti aperte al mare, ai porti, sono considerati i luoghi di nascita dei Bichon Bichon.

Sembra che i cani maltesi e bolognesi, o piuttosto i loro antenati, fossero cacciatori di topo. Piccoli e attivi questi cani vivevano non solo nel porto, ma anche sulle navi.

Era sulle navi che si diffusero quasi in tutto il mondo. Ma in Italia due razze si stabilirono saldamente. E queste razze rapidamente e drammaticamente evolute. Dai cacciatori sui topi, si trasformarono vivamente in cani da salone. Le loro piccole dimensioni e l'aspetto attraente li rendevano preferiti dal pubblico.

Molto presto divennero cani popolari tra i vip di quel tempo. Le donne hanno anche scoperto in questi cani una proprietà più attraente per se stessi - a causa dell'aumento della temperatura corporea, essi (i cespugli) potrebbero svolgere le funzioni dei cuscinetti riscaldanti. Le matrone romane avevano l'abitudine di mettere i loro cani a pancia in giù per lenire i dolori che sorsero "attraverso la parte femminile".

Subito dopo questi cani la proprietà dei guaritori fu stabilmente stabilita. Bello, affettuoso, e in aggiunta utile, i cani maltesi entrarono rapidamente in auge, specialmente tra gli aristocratici. Il nome "cagnolino" è stato dato più maltese, non razza bolognese. In Francia, Bologna chiamava cani con i capelli ricci Bichon Frise.

Fin dai tempi dei romani, entrambe le razze hanno acquisito lo status di simbolo, dato che dare a tali cani il potere del mondo è diventato un'usanza.

Categorie Popolari

    Error SQL. Text: Count record = 0. SQL: SELECT url_cat,cat FROM `it_content` WHERE `type`=1 AND id NOT IN (1,2,3,4,5,6,7) ORDER BY RAND() LIMIT 30;