Storia della razza inglese del mastino

Molosse, almeno per oggi, non è più una razza adatta. Forse, in effetti, i Molossi non sono mai stati una razza indipendente. Per lungo tempo questo termine è stato chiamato un tipo speciale di cani. "Moloss - pronto, morde silenziosamente" - disse Danunzio.

Tuttavia, c'erano tempi in cui le razze reali, cioè le razze nella moderna comprensione di questo termine, non esistevano affatto. Molto probabilmente, la parola "moloss" chiama il tipo di cani che vengono spazzolati oggi al tipo molossoide.

Questi sono cani tozzi pesanti, con un muso corto, coperto di pieghe in quelle zone in cui la pelle, a differenza del modello scheletrico, non si accorcia. "Non una museruola, ma una faccia", Petro Scanziani chiarisce nella sua storia "Journey Around the Moloss" nella sua storia. Infatti, i Molossi generano costantemente frasi come: "Riflette", "questo è un vero saggio". Abbiamo usato ancora il termine moloss invece di molossoide, perché non molte razze di cani sono tipologicamente legate ai molossoidi. Tuttavia, non tutti evocano sentimenti simili.

Pug - si riferisce anche ai molossoidi. Tuttavia, guardandolo, voglio sorridere, e non con tremore rispettoso. Un pugile è anche un molossoide di dimensioni rispettabili. Questo è un cane eccellente per la protezione. Tuttavia, quasi nessuno alla sua vista sperimenterà veramente l'orrore mescolato con reverenza. Quindi, molti cani appartengono ai molossoidi. Ma i Molossi, chiamiamo solo quelli che, solo nella loro unica forma, provocano un misto di paura e ammirazione, il desiderio di avere un cane come amico e una premonizione che può accadere se questo cane riconosce per qualche ragione il nemico che è in te.

Il Mastino e il Bullmastiff, definiti ufficialmente dai molossiidi come cinescopi, sono, a giudicare dall'impressione che fanno, veri Molossi e noi vogliamo chiamarli così.. Entrambe queste razze hanno un'origine comune. Infatti, il bullmastiff è allevato dal mastino incrociandolo con l'ex bulldog. Questo non è difficile da indovinare, nemmeno per nome.

Nel 55 ° anno aC, le legioni di Cesare sbarcarono sulle isole britanniche, dove furono confrontati con 2 tipi di cani. I primi erano tozzi, con una testa enorme rispetto al busto e mascelle corte ma molto potenti, che il caviale portò rapidamente da legionari privati. È probabile che questi cani fossero gli antenati dei Bulldog, così come in parte i bullmastiff moderni. Il secondo tipo di cane era molto grande, veri leoni, non cani.

Questi cani erano discendenti diretti dei mastini Asiro-Babilonesi, che i Fenici portarono in Inghilterra 500 anni prima dell'invasione dei Romani. Rispetto a loro, i Molossi Imperiali, che i Romani consideravano i migliori cani da combattimento, sembravano eleganti cani da caccia. Dopo aver conquistato la Gran Bretagna, i Romani se ne andarono portando con sé i cani inglesi che li colpivano, che chiamavano combattere gli inglesi e che iniziarono ad usare nelle arene, costringendoli a combattere gli animali selvatici.

Dopo la caduta dell'Impero Romano, i cani britannici in lotta venivano usati nella guardia, dove venivano chiamati "cani da catena". Poi nel 1200 anno, cioè, al volgere del secolo, questi cani furono usati per proteggere i terreni di caccia reali. A quel tempo, il nome "cane a catena" fu sostituito da un mastino e poi da un mastino. Quindi siamo arrivati ​​al Medioevo. A Roma, accadde una storia a Sir Peer Lee, un nobile inglese ferito nella battaglia di Azencourt. Per molti giorni il suo cane Mastiff si prese cura di lui e le sue preoccupazioni gli salvarono la vita. L'apprezzata famiglia di Sir Peer ha allevato tutti i discendenti di questo cane, che divenne così l'antenato della linea Mastino inglese. Nel Rinascimento, il mastino è di nuovo usato come cane da combattimento.

E la regina Elisabetta I, che era una grande amante di questo spettacolo, è colpevole di questo. Fu in questo momento, volendo aumentare l'agilità del cane, mastino attraversato da un bulldog. Gli individui risultanti divennero gli antenati della razza bullmastiff. Tuttavia, va ricordato che non si trattava di bulldog inglesi moderni, tozzi e tarchiati, ma di un cane di media taglia, agile e con le gambe lunghe. Da quel momento, entrambe le specie si sono gradualmente suddivise in due specie distinte. Oggigiorno li distinguiamo chiaramente.

I momenti migliori e peggiori del mastino inglese

Nella seconda metà del 19 ° secolo, i mastini divennero estremamente popolari. Il club "Old English Mastiff" è la prima organizzazione sociale che ha iniziato ad allevare i mastini ea mantenere pulita la razza. Fu fondato nel 1883. È uno dei più antichi club di cani inglesi specializzati.

A questo punto, i mastini hanno già ricevuto abbastanza diffusa. Alla mostra del 1872 a Londra furono rappresentati 81 cani di questa razza. E poi è iniziata la crisi. Durante le guerre mondiali, la razza fu quasi negata e fu sull'orlo dell'estinzione. La guerra è sempre disastrosa per i cani di grossa taglia, principalmente per ragioni economiche.

Quando il cibo scarseggia anche per gli umani, i cani diventano automaticamente bocche ridondanti e le bocche più grandi scompaiono prima. Quindi, dopo la seconda guerra mondiale, l'unico produttore rimasto vivo era ancora in grado di dare la prole. La razza è stata salvata per la presenza di 2 fattori: in primo luogo, all'inizio della guerra, alcuni cani sono stati inviati in America.

Secondo: la signora Nora Dicken, residente a Londra, appassionata amante dei cani di questa razza, ha deciso di impedirle di scomparire. La signora Dicken era altrettanto gentile dei suoi mastini preferiti. Andò negli Stati Uniti e in Canada, trovò fonti di finanziamento e acquisì nuovi cani. Ha incoraggiato tutti i membri del club a cooperare attivamente e sostenere finanziariamente, avendo ricevuto 10 sterline da ciascuno. I suoi sforzi furono coronati da successo.

È riuscita a salvare la razza. Certo, i problemi sono rimasti. Da questo momento in poi, l'allevamento della razza avviene attraverso l'incroci, cioè l'allevamento strettamente correlato. Tale diluizione può portare a determinati difetti genetici, che è quello che è successo. Le carenze genetiche sono ancora uno dei problemi principali dei mastini. Tuttavia, non c'era scelta. Ma è importante sottolineare che i moderni allevatori di anno in anno migliorano la razza e l'attuale mastino, naturalmente allevato correttamente - è un cane forte e sano, in grado di mantenere vitalità attiva e ottima salute per 10 anni.

Загрузка...

Guarda il video: Mastino Napoletano: il gigante buono (Settembre 2020).

Загрузка...

Загрузка...

Categorie Popolari

    Error SQL. Text: Count record = 0. SQL: SELECT url_cat,cat FROM `it_content` WHERE `type`=1 AND id NOT IN (1,2,3,4,5,6,7) ORDER BY RAND() LIMIT 30;