Enterite nei cani, enterite da parvovirus nei cani, sintomi, trattamento

Enterite da parvovirus nei cani - una malattia abbastanza nuova e relativamente poco studiata. Oggigiorno, dal numero di vite canine annualmente portate via, compete con successo con una malattia infettiva così formidabile, come la piaga nei cani.

L'infezione da parvovirus è stata rilevata per la prima volta negli Stati Uniti nel 1978. Nei due anni successivi si diffuse rapidamente in altri paesi e nel 1980 fu registrato in Russia. Poiché gli animali non avevano un'immunità naturale contro questa malattia, un gran numero di cani si ammalò e morì. Tra i cani malati e morti, il 90% erano giovani animali di età compresa tra due e dieci mesi.

Più tardi è stato scoperto che l'infezione da parvovirus (enterite dei cani) colpisce solo le specie di cane e non influisce sugli animali di altre specie, nonostante la somiglianza dei sintomi osservati in simili malattie in questi animali (panleucopenia di gatti, enterite infettiva di conigli, maiali, ecc.). anche una persona che viene a contatto con un cane con enterite è infetta.

Enterite nei cani - una malattia infettiva molto insolita e insidiosa, che può manifestarsi in forme diverse con sintomi clinici diversi. Ciò rende molto difficile diagnosticare nelle prime fasi della malattia e, quindi, combatterlo, perché la malattia è transitoria ei risultati del trattamento dipendono principalmente dalla tempestività dell'assistenza veterinaria.

Gli amanti dei cani sono molto importanti in tempo per prestare attenzione ad alcune caratteristiche del comportamento degli animali che sono precursori della malattia, valutare correttamente la situazione e, senza perdere tempo prezioso, fornire al cane un aiuto esperto.

Prima di tutto, devi avere un'idea di come il cane è direttamente infetto. La principale fonte di infezione sono gli animali malati che espellono con le feci, il vomito e il virus della saliva nell'ambiente esterno. Inoltre, il virus inizia a risaltare già nel periodo di incubazione (nascosto) della malattia, prima della comparsa dei suoi primi sintomi.

Gli animali recentemente recuperati possono anche essere portatori di questo virus per qualche tempo. Una persona che è venuta in contatto con un cane malato, trasferendo il virus a vestiti, scarpe, prodotti per la cura (un pettine, un pennello, ecc.) Può anche diventare un fattore di trasmissione. Ci sono casi di focolai della malattia dopo vari eventi di massa: mostre, covate di animali giovani, concorsi.

Sintomi di enterite nei cani

Dal momento dell'infezione e fino ai primi sintomi clinici di enterite, il cane è nel periodo di incubazione, che può durare fino a dieci giorni. Considerando che l'enterite nei cani, di regola, si verifica improvvisamente ed è acuta, le osservazioni personali del proprietario, che annotano vari cambiamenti nel comportamento del cane, diventano importanti per una diagnosi tempestiva.

Se noti un po 'di letargia in un cane, misura immediatamente la sua temperatura. La temperatura normale nei cani varia da 37,5 a 39 gradi. Le temperature superiori a 39 gradi dovrebbero essere considerate un processo doloroso. Per misurare la temperatura corporea di un cane, è necessario lubrificare la fine del termometro con vaselina (o olio di semi di girasole, crema per neonati) e inserirla delicatamente nell'orifizio anale del cane ad una profondità di 2-3 cm con un movimento rotatorio.Il tempo di misurazione è di 5 minuti.

È consigliabile effettuare tali misurazioni ogni 8 ore, assicurandosi di registrare i dati, in modo che in seguito il veterinario possa scegliere la giusta strategia di trattamento.

Va notato che una temperatura corporea elevata in un cane con enterite parvovirale non è sempre stabilita, spesso rimane normale fino alla morte dell'animale.

Prestiamo attenzione anche a un altro istante, indicando l'inizio della malattia e, di solito, rimanendo inosservati. Guarda il cane: l'appetito è normale, sulla strada è abbastanza mobile, ma quando accarezza il retro e i lati, preme lo stomaco e inarca leggermente la schiena, e quando viene premuto nello stomaco, reagisce dolorosamente. Questo mal di stomaco dovrebbe essere considerato il primo sintomo di enterite da parvovirus. Spesso in questo momento il cane rifiuta bruscamente il latte, sebbene lo bevesse volentieri.

Di solito un giorno dopo l'insorgenza di questi sintomi di enterite, il vomito inizia nei cani, dapprima con resti di cibo non digerito, seguito da secrezioni pulsanti, di colore grigio. Dopo un po 'di tempo, appare la diarrea. Inizialmente, acquoso, giallastro, coperto di venature verdastre della mucosa intestinale, si trasforma poi in un sanguinoso, con un disgustoso odore putrido. Il cane si rifiuta di mangiare e bere.

A causa di forti dolori allo stomaco, gli animali non possono sdraiarsi e stare con la testa seppellita in un angolo o in altri oggetti. Da grave disidratazione, dolore e insufficienza cardiaca, i cani giovani possono morire 1-3 giorni dopo la comparsa dei primi segni della malattia.

L'enterite nei cani può avere luogo in un'altra forma. Il proprietario nota la letargia del cane, la sonnolenza. La temperatura corporea sale a 39,5 gradi e oltre. In questa forma è assente un pronunciato dolore allo stomaco, ma nello stomaco c'è un forte brontolio, specialmente nei primi giorni della malattia. Il cane, di regola, rifiuta di mangiare o lo mangia a malincuore, ma beve acqua. Per 2-3 giorni si verifica vomito, dopo di che peggiora la condizione dell'animale. A 4-5 giorni, il cane muore con segni di insufficienza cardiaca (respirazione difficilmente rilevabile o rapida, pallore delle mucose, polso debole ed elusivo, estremità fredde, mancanza di risposta al soprannome e al comando). Caratteristica di questa forma di malattia è l'assenza di diarrea. La diarrea sanguinolenta può verificarsi immediatamente prima della morte dell'animale o poche ore prima.

Al primo sintomo sospetto, il cane deve essere immediatamente mostrato al veterinario, che effettuerà una diagnosi, prescriverà un ciclo di trattamento e osserverà l'animale malato per i prossimi 5-7 giorni. A questo proposito, è molto importante descrivere i cambiamenti nel comportamento del cane malato al medico nel modo più accurato e completo possibile.

Enterite nei cani, trattamento

Pronto soccorso cane malato nel trattamento dell'enteriteche il proprietario può rendere è come segue.

  • Prima di tutto, è necessario fornire al cane un riposo completo, completamente rimosso, bere e nutrire, senza indicazione medica, non si dovrebbe usare un clistere.
  • Puoi raccomandare l'uso di olio di petrolato (peggio di girasole) che, senza essere assorbito nel tratto gastrointestinale, avvolge le sue pareti e aiuta a evacuare il contenuto tossico.

In caso di enterite, il proprietario deve avere i seguenti farmaci nel kit di pronto soccorso veterinario a casa:

  1. 3-4 siringhe (da 5 a 20 ml), diversi aghi sostituibili per loro;
  2. No-shpu, analgin per alleviare il dolore. Si noti che tutti i farmaci devono essere somministrati agli animali tramite iniezioni, poiché le compresse durante questo periodo non vengono assorbite dal corpo del cane;
  3. Salina, se c'è grave disidratazione (vomito, diarrea);
  4. Sulfokamfokain, kordiamin per mantenere l'attività cardiaca.

Poniamo l'attenzione dei selezionatori di cani dilettanti che questi farmaci dovrebbero essere utilizzati in combinazione con il trattamento principale sviluppato dal veterinario individualmente per ciascun animale.

Effetti di enterite nei cani

Nei cani che hanno avuto enterite da parvovirus, i disturbi del tratto gastrointestinale possono essere osservati per lungo tempo. Pertanto, un ruolo importante è svolto dalla corretta organizzazione di nutrire l'animale. Il cibo è meglio somministrato in piccole porzioni più volte al giorno. Il menu del cane da convalescenza comprende fette di carne bollita a basso contenuto di grassi (carne di manzo, vitello), verdure bollite, riso ben cotto in un debole brodo di carne.

Si consiglia di astenersi dai prodotti a base di latte fermentato nella prima settimana di recupero. Eventuali salsicce, spezie, dolci, carne grassa e pesce, le ossa sono escluse.

2-3 settimane dopo il recupero (a seconda di come si sente il cane), è possibile tornare alla vecchia razione di alimentazione.

Nei cani che hanno avuto l'enterite da parvovirus, si instaura un'immunità prolungata, praticamente permanente. Il principale metodo di prevenzione di questa malattia sono le vaccinazioni contro l'enterite da parvovirus. La vaccinazione dei cuccioli inizia con 7-8 settimane della loro vita.

Vaccinare i cani in età precoce è indesiderabile a causa del sottosviluppo del sistema immunitario. L'immunità dopo la vaccinazione viene prodotta dopo 2-3 settimane e dura per 6-12 mesi.

Il decorso e l'esito della malattia possono essere fortemente influenzati dalla presenza di vermi nel cane. Pertanto, il proprietario deve periodicamente prendere le feci di un animale per l'analisi. Misure preventive per prevenire l'invasione di Helminthic dovrebbero essere effettuate prima di ogni vaccinazione.

I proprietari intermedi dei vermi possono essere pulci che parassitano un cane, quindi il proprietario deve prendere provvedimenti immediati per liberare gli animali dai parassiti della pelle.

Maggiori informazioni su malattie pericolose come la cimurro nei cani, la piroplasmosi nei cani, i cani da rabbia.

Загрузка...

Guarda il video: Di piume e di pelo: pargovirosi, gastroenterite emorragica (Settembre 2020).

Загрузка...

Загрузка...

Categorie Popolari

    Error SQL. Text: Count record = 0. SQL: SELECT url_cat,cat FROM `it_content` WHERE `type`=1 AND id NOT IN (1,2,3,4,5,6,7) ORDER BY RAND() LIMIT 30;