Rimozione di cani all'estero

Le pratiche burocratiche per esportare un cane all'estero richiedono molto tempo.

Inoltre, le condizioni per l'esportazione di un animale domestico possono variare notevolmente a seconda del paese del mondo che si intende visitare.

Prima di effettuare una vaccinazione obbligatoria dell'animale. Il vaccino dovrebbe essere polivalente. Proteggerà l'animale dalla maggior parte delle infezioni. Questo numero include anche la rabbia. L'opzione migliore quando la vaccinazione viene effettuata da vaccini polivalenti. Inoltre, i vaccini devono essere conformi agli standard internazionali. La vaccinazione contro la rabbia è richiesta per tutti i paesi. Non ci sono eccezioni.

I requisiti dei paesi per vaccinare i cani devono essere noti in anticipo presso l'ambasciata di quei paesi in cui intendete viaggiare con il vostro animale domestico. Le informazioni possono anche essere ottenute visitando un veterinario.

Per vaccinare il cane è necessario viaggiare per 30 giorni. Inizia ad agire il decimo giorno dopo l'introduzione, ma non oltre i 9 mesi. Quando si reca all'estero, se l'animale deve essere trasportato in treno o in aereo, il controllo veterinario potrebbe richiedere un marchio per altre vaccinazioni.

Dopo la vaccinazione, il cane deve essere sottoposto all'attenzione costante del proprietario. È necessario eliminare o ridurre la comunicazione con altri animali. L'animale non ha bisogno di essere portato fuori città per la natura, la temperatura dovrebbe essere misurata ogni tre giorni. La maggior parte dei paesi stabilisce il proprio periodo di quarantena unico. Durante questo periodo, l'animale deve essere in istituzioni specializzate.

Prima di intraprendere un lungo viaggio, è meglio chiarire la situazione epidemiologica nel paese che visiterai. Se si sono verificati focolai nel paese, chiedere se ci sono restrizioni o restrizioni sul movimento degli animali.

Immediatamente prima di andare all'estero, è necessario sottoporsi ad un'altra procedura. 3 giorni prima della partenza, è necessario con l'animale e con tutti i documenti preparati venire alla condizione statale, dove sarà rilasciato un certificato veterinario per l'animale. Qui l'animale viene ispezionato ancora una volta. Di solito, l'ispezione di un animale domestico è sufficiente se vi sono prove veterinarie e vaccinazioni contro la rabbia, per tutti tranne i cani e gli animali rari. Al confine, questo certificato viene scambiato con un certificato veterinario internazionale.

Nel tuo paese d'origine devi ottenere un certificato che un cane che viene portato all'estero non arrechi danni all'allevamento russo del cane, cioè che il tuo animale non sia l'unico esempio di bellezza, razza e fascino e che la sua partenza dal paese non causerà l'estinzione della sua razza.

È necessario portarlo con sé quando si esporta un albero genealogico di razza pura nell'originale e nella sua versione di esportazione. Nel caso, vale la pena prendere alcune copie di questi documenti.

Vedi anche: Viaggiare con il tuo cucciolo o cane

Categorie Popolari

    Error SQL. Text: Count record = 0. SQL: SELECT url_cat,cat FROM `it_content` WHERE `type`=1 AND id NOT IN (1,2,3,4,5,6,7) ORDER BY RAND() LIMIT 30;