La storia dell'origine del Bulldog inglese

Bulldog inglese discende dal leggendario Alano tibetano, che è considerato l'antenato di tutte le moderne razze di cani da guardia.

Era di dimensioni enormi e, come notava Marco Polo, la capacità di far fronte a qualsiasi nemico, sia esso bestio o uomo.

Divorziato e attentamente sorvegliato da residenti di altipiani inaccessibili, è stato successivamente portato in altre parti dell'est, dove ha dato origine a vari tipi di cani da guardia. Una delle immagini più antiche di un cane con caratteristiche tipiche del mastino ci è arrivata sotto forma di un bassorilievo trovato nella città assira di Ninive.

Raffigura un guerriero con in mano un gigantesco cane da battaglia. Come in tutti gli altri paesi del mondo, in Inghilterra c'era una tradizione di organizzare lotte con gli animali tra di loro o con le persone. E anche se questo modo di uscire era popolare sin dai tempi antichi, i primi resoconti affidabili sulle battaglie tra cani e tori risalgono solo al 1199. Rapporti di battaglie di questo tipo si trovano già nel 1133 durante il regno di Enrico II.

Tuttavia, il primo messaggio veramente affidabile può essere considerato esattamente ciò che si riferisce all'anno 1199. Secondo il cronista, il sovrano della città di Stamford, passeggiando per i dintorni del suo castello, assistette all'attacco di due cani, di proprietà di un macellaio, su un toro, che a sua volta si stava difendendo disperatamente, cercando di non perdere la faccia a una mucca vicina.

I cani si precipitarono al toro e lo inseguirono attraverso l'intero villaggio, mordendo e spingendo fino a quando il caso alla fine si concluse in una feroce lotta. Il signore feudale godette così tanto di questa vista che concesse alla corporazione dei macellai quel pezzo di terra su cui si svolgeva la battaglia degli animali con la condizione che i macellai organizzassero ogni anno una battaglia simile. Questo tipo di lotte, chiamate bulli, si diffuse rapidamente in tutto il Regno Unito e il numero di fan radunati attorno alle aree recintate in cui si svolgevano i combattimenti era in costante crescita.

Molto presto, ogni città, ogni villaggio aveva una propria piattaforma, dove cani e tori convergevano in combattimenti feroci e sanguinosi. Grazie alla sua malvagità e alle eccezionali qualità di combattimento - il risultato del brutale allevamento a cui le persone lo sottoposero, il Bulldog inglese divenne un cane da combattimento e cominciò ad essere usato per combattere con altri animali, e persino a parlare con le persone. I soliti avversari dei bulldog dal XIV al XIX secolo, oltre ai tori, erano orsi, scimmie, tassi, linci, asini, leoni e altri animali.

Quando tale intrattenimento era proibito, il bulldog inglese era minacciato di estinzione. Fu tentato di essere usato come cane da guardia, ma gli individui di quel tempo si distinguevano per eccessiva malvagità e forza fisica, e quindi l'uso di bulldog in quanto tale era proibito dalla legge.

Diversi individui rimasti nelle mani degli organizzatori di lotte segrete e varie truffe furono considerati, quindi, i cani dei criminali. Solo un piccolo gruppo di amanti di questa razza di cani ha continuato a allevare disinteressatamente bulldog inglesi e ha tenuto per noi un cane, che ha molte qualità uniche.

Categorie Popolari

    Error SQL. Text: Count record = 0. SQL: SELECT url_cat,cat FROM `it_content` WHERE `type`=1 AND id NOT IN (1,2,3,4,5,6,7) ORDER BY RAND() LIMIT 30;